HOME

  STATUTO   

anno di fondazione 24 febbraio 1989

modifiche statutarie approvate Assemblea Ordinaria Annuale Soci        18 marzo- 2 aprile 1997

modifiche statutarie approvate Assemblea Straordinaria Annuale Soci    22 luglio 2003

modifiche statutarie approvate Assemblea Ordinaria  Annuale  Soci    9 novembre 2005

Art.1  - COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E DURATA

E’  costituita un’Associazione senza fini di lucro con durata sino al 31.12 2090 denominata: “Scuola Piemontese di Medicina Generale Massimo Ferrua “ e di seguito chiamata per brevità “Scuola”.

Art. 2 -  Sede

La sede della Scuola è in Torino, Corso  Svizzera 185/bis.

Il semplice cambiamento di indirizzo nell'ambito dello stesso atto può essere deliberato dal Consiglio Direttivo.

Art. 3 – FINALITÀ

L’Associazione, ha per oggetto lo svolgimento, senza scopo di lucro, delle attività di:

·         promozione ed organizzazione di congressi, seminari, convegni, concorsi e borse di studio su argomenti e materie di interesse del mondo medico-sanitario;

·         collaborazione con la Regione Piemonte, le Aziende sanitarie ed altri organismi ed Istituzioni sanitarie pubbliche;

·       elaborazione di linee guida anche in eventuale collaborazione con la Regione Piemonte e con altre organizzazioni pubbliche e private, nazionali e internazionali

·         promozione di trials di studio e di ricerche scientifiche finalizzate a rapporti di collaborazione con altre società ed organismi scientifici

·        svolgimento di attività di studio, ricerca, verifica e revisione di qualità, su mandato delle organizzazioni di categoria cui fa riferimento

VIENE ESCLUSO L'ESERCIZIO DI ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI O LA PARTECIPAZIONE AD ESSE, SALVO QUELLE CHE SI RENDESSERO NECESSARIE PER LE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE CONTINUA, NONCHÉ L'ATTIVITÀ DI TUTELA SINDACALE DEGLI ASSOCIATI O COMUNQUE LO SVOLGIMENTO, SIA IN FORMA DIRETTA CHE IN FORMA INDIRETTA, DELL'ATTIVITÀ SINDACALE IN GENERE.

 

     Art. 4 -  FINANZIAMENTI

Le attività dell’Associazione potranno essere finanziate esclusivamente attraverso i contributi dei soci e/o di Enti Pubblici nonché di soggetti privati, con esclusione di finanziamenti correnti da parte d'industrie farmaceutiche o di dispositivi medici, anche se forniti attraverso soggetti collegati.

Le attività "ECM", potranno essere finanziate esclusivamente attraverso l'autofinanziamento ed i contributi degli associati e/o Enti Pubblici e privati, ivi compresi contributi delle industrie farmaceutiche e di dispositivi medici, nel rispetto dei criteri e dei limiti stabiliti dalla Commissione Nazionale per la formazione continua.

     Art. 5 - Soci

Possono essere soci i medici di medicina generale, convenzionati o in quiescenza, Animatori di formazione iscritti alla FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale) ed alla SIMG (Società Italiana di Medicina Generale).

I soci neo–iscritti per la durata di un anno sono considerati “animatori in formazione” e vengono affiancati su mandato del CD da alcuni colleghi animatori esperti, che li aiuteranno ad inserirsi nel gruppo e a svolgere l’attività prevista. Al termine dell’anno verrà vagliato il percorso formativo dell’animatore attraverso un colloquio tra l’animatore stesso, tre componenti del CD, il referente della Commissione di qualità, e uno degli animatori affiancatori

Gli animatori in formazione non godono dei diritti di elettorato né attivo né passivo.

I soci Animatori di formazione si impegnano a partecipare e sostenere le attività della scuola, a svolgere i corsi di formazione e altre attività promosse dalla Scuola, a preparare il materiale formativo secondo le normative adottate dalla Scuola, a partecipare alla formazione per formatori organizzata dalla Scuola.

I soci animatori con più di 10 anni di attività nella Scuola possono, previa comunicazione al CD, essere esentati dall’attività didattica, pur rimanendo soci della Scuola, a cui prestano il contributo dell’esperienza maturata. In qualunque momento, previa comunicazione al CD, possono riprendere la piena attività.       

Sono inoltre soci di diritto:

a) il segretario regionale FIMMG del Piemonte

b) i segretari delle sezioni provinciali FIMMG del Piemonte

         c) i presidenti delle sezioni provinciali SIMG del Piemonte

         d) il presidente regionale SIMG del Piemonte

Tali soci di diritto sono sostituiti, nel momento in cui decadono dalle rispettive cariche dai subentranti nelle cariche stesse. Essi godono del diritto di elettorato attivo, e passivo qualora anche animatori.

I soci sono ammessi dal consiglio direttivo con delibera insindacabile, su domanda presentata allo stesso.

Tutti i soci si impegnano al rispetto dello Statuto e del regolamento della Scuola nonché delle deliberazioni assunte dai competenti organi della Scuola stessa.

L’iscrizione alla Scuola ha durata annuale e si considera tacitamente rinnovata salvo dimissioni.

 

 

     Art 6  -  RECESSO DALLA CONDIZIONE DI SOCIO

     Si recede dalla condizione di socio:

a) per dimissioni personali

b) per il mancato pagamento della quota associativa

c) per decadenza dei requisiti di ammissione

 

d) per conflitto di interesse accertato dal collegio dei probiviri sulla base del regolamento vigente

e) per espulsione deliberata dal collegio dei probiviri

La decadenza dalla condizione di socio comporta la revoca immediata di qualsiasi incarico o funzione assunti nell’ambito e per conto della Scuola

 

 

    Art. 7-  ORGANI DELLA SCUOLA

Organi statutari della Scuola sono:

a) l’Assemblea dei Soci

b) il Consiglio Direttivo

c) il Presidente

d) il Segretario

e) il Tesoriere

f) il Comitato Scientifico

          g) la Commissione di controllo di qualità

     h) il Collegio dei Probiviri

     i) il Collegio dei Revisori dei conti

    Presidente, Segretario e Tesoriere costituiscono l’esecutivo

 

 

 Art. 8 - L’ASSEMBLEA

    L’assemblea dei soci, è organo sovrano.

    Essa è convocata dal presidente, in via ordinaria, entro il primo quadrimestre di ogni anno sociale, ed in via straordinaria, ogni

    qual volta lo ritenga opportuno il consiglio direttivo o ne faccia motivata richiesta al presidente, per iscritto, un terzo dei soci.

    L’avviso di convocazione, a mezzo di lettera semplice, deve essere inviato almeno dieci giorni pri­ma della data fissata per

    l’assemblea, salvo i casi di urgenza nei quali si provvede anche a mezzo telegramma con almeno 48 ore di anticipo. Le

    assemblee convocate per approvare modifiche di statuto, debbono essere convocate per lettera, escludendo per tale fine la

    convocazione d’urgenza.

    L’assemblea è valida in prima convocazione quando siano presenti i due terzi degli associati ed in seconda convocazione

    quando  sia presente un terzo degli associati

     L’assemblea è validamente costituita in seconda convocazione dopo trascorsa un’ora da quella fissata nell’avviso per la prima

    convocazione.

    Le deliberazioni dell’assemblea sono assunte con il voto favorevole della maggioranza semplice (la metà più uno) dei presenti,

    salvo i casi in cui sia richiesta dallo statuto una diversa maggioran­za.

    Ciascun socio partecipante ha diritto ad un voto; la delega è ammessa con il limite di una delega per persona. La delega in ogni

    caso non è computabile come presenza al fine del raggiungimento del numero legale di partecipanti.

    Le deliberazioni dell’assemblea vincolano tutti gli associati.

 

    Art. 8bis  - Attribuzioni dell’Assemblea

a) eleggere nei limiti previsti dagli articoli successivi i componenti il consiglio direttivo, il  collegio dei revisori dei conti ed il collegio dei probiviri

b) discutere ed approvare il bilancio consuntivo

c) esprimersi sulle questioni di carattere generale e dl particolare importanza relative alle attività della Scuola, fornendo indicazioni di massima

d) approvare l’ammontare  della quota annuale di iscrizione

 e) deliberare con maggioranza qualificata dei due terzi dei soci presenti, le modifiche allo statuto eventualmente proposte dal consiglio direttivo o sottoscritte da almeno un terzo dei soci

f)  richiedere al consiglio direttivo, a maggioranza assoluta dei soci, la modifica di norme di rego­lamento

g) decidere l’espulsione di un consigliere su richiesta del collegio dei probiviri, con le modalità e maggioranza di cui all’ art. 8.

 

 Art. 9 - IL CONSIGLIO DIRETTIVO

   Il consiglio direttivo è composto da dieci  membri di cui otto eletti dall’assemblea. Il segretario regionale della FIMMG e il

   presidente  regionale della SIMG sono membri effettivi di diritto del consiglio direttivo; qualora questi non possano o non

   intendano  avvalersi della carica debbono nominare un sostituto permanente per tutta la durata del mandato o per un periodo non

   inferiore ad un anno.

   Ogni consigliere dura in carica quattro anni ed è immediatamente e senza limiti rieleggibile . I componenti  del consiglio direttivo

   eleggono al loro interno il presidente, il segretario ed il tesoriere che durano in carica fino alla scadenza del mandato del

   consiglio direttivo stesso. Un consigliere decade dalla carica (oltre che per decorrenza del mandato) per dimissioni personali o

   per recessione dalla condizione di socio o per assenze ingiustificate superiori al 50% delle riunioni annuali del consiglio direttivo

   per richiesta del collegio dei probiviri. In quest’ultimo caso la decisione definitiva viene presa dall’assemblea a maggioranza

   assoluta.

  Il consiglio direttivo si riunisce su convocazione del presidente almeno sei volte l’anno ed ogni qual volta

  lo ritenga necessario il presidente e/o lo richieda almeno un terzo dei componenti del consiglio stesso.

   Le riunioni del consiglio direttivo sono presiedute dal presidente o, in sua assenza, dal segretario.

   Per la validità delle riunioni del  consiglio direttivo è necessaria  la presenza della maggioranza dei suoi componenti.

           Le deliberazioni sono assunte con il voto favorevole della maggioranza semplice dei consiglieri presenti, ed in caso di

   parità è determinante il voto di chi presiede il consiglio.

       Per essere eleggibili nel consiglio direttivo occorre essere soci da almeno un anno ed essere in attività

       di convenzione

 Art. 9bis -  ATTRIBUZIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

a) coordinare il lavoro comune degli animatori dì formazione della Scuola, promuovendo le attività di cui all’art. 3 del presente statuto

b) costituire gruppi di lavoro per determinate attività o progetti, stabilendo anche l’entità delle risorse attribuibili

c) sovraintendere all’amministrazione del patrimonio sociale ed alla gestione economica complessa

d) deliberare l’ammissione di nuovi soci

e) adottare le decisioni necessarie per l’attuazione dei compiti statutari della Scuola, e di ogni altra incombenza prevista dal regolamento

               f) stabilire e modificare a maggioranza assoluta dei componenti il regolamento interno

               g) stabilire l’ammontare della quota associativa annuale da proporre all’assemblea

               h) nominare i componenti del comitato scientifico

 i) nominare i componenti della commissione del controllo di qualità

 

 

          Art. 10 - L’ESECUTIVO

  L’esecutivo è composto dal presidente, dal segretario e dal tesoriere della Scuola, i suoi compiti sono:

     a) vigilare su tutti gli atti economici ed amministrativi della Scuola

     b) sovraintendere all’organizzazione ed al funzionamento degli uffici e dei servizi

     c) sovraintendere ed organizzare le attività della Scuola

    d) assumere e rendere esecutive le delibere amministrative

 

 

      Art.  11 -  IL PRESIDENTE

   Il  presidente della Scuola è eletto dal consiglio direttivo tra i suoi componenti nel rispetto delle clausole di cui all’art. 5.

   Dura in carica quattro anni, è immediatamente e senza limiti rieleggibile.

    Il  Presidente:

a) è garante dello statuto

b) convoca e presiede l’assemblea, il consiglio direttivo e l’esecutivo. In caso di impedimento nomina un suo delegato.

 

 

Art. 12  IL SEGRETARIO

Il segretario della Scuola è eletto dal consiglio direttivo tra i suoi componenti, nel rispetto delle clausole di cui all’art. 5, dura in carica quattro anni, è immediatamente e senza limiti rieleggibile.

Il segretario:

a)  assume la rappresentanza legale dell’associazione ed ha la firma sociale con possibilità di delega, in sua assenza, al tesoriere

b)  rappresenta la Scuola di fronte ai soci ed ai terzi in qualunque sede giudiziaria ed amministrativa

c)   esercita il diritto di querela e di costituzione dl parte civile

d)      sovraintende all’attuazione delle delibere del consiglio direttivo, alla gestione economica della Scuola secondo gli indirizzi del consiglio direttivo e le determinazioni dell’esecutivo.

               

In caso di impedimento subentra per tali atti il tesoriere

 

  Art.13- IL TESORIERE

 Il  tesoriere della Scuola è eletto dal consiglio direttivo tra i suoi componenti, nel rispetto delle clausole di cui all’art 5, dura in

 carica quattro anni, è immediatamente e senza limiti rieleggibile

 Il tesoriere:

a)  procede alla riscossione ed ai pagamenti e per ogni atto concernente erogazione di spesa, movimento ed impiego di fondi

b)   predispone gli schemi di bilancio consuntivo da sottoporre all’ assemblea, nonché assolve alle formalità degli obblighi tributari previsti dalla normativa in vigore.

 

 

             Art. 14 - IL COMITATO SCIENTIFICO

Il  Comitato Scientifico è nominato dal Consiglio Direttivo ed è costituito dai tre componenti dell’esecutivo, da un componente scelto dal Consiglio Direttivo tra gli animatori soci da almeno 5 anni, e da 2 componenti esterni alla Scuola, scelti tra personalità di rilievo nel campo della formazione in Medicina Generale.

Il Comitato Scientifico:

a)   si riunisce annualmente

b)  esamina ed approva la conformità dell’attività della Scuola rispetto alla normativa adottata dalla stessa.

    

 

                                         Art. 15 - LA COMMISSIONE DI CONTROLLO DI QUALITÀ

La Commissione di controllo di qualità è nominata dal Consiglio direttivo ed è costituita da tre componenti effettivi e tre supplenti scelti tra gli animatori con almeno dieci anni di esperienza didattica nella Scuola. Al suo interno la Commissione sceglierà un referente.

La Commissione di controllo di qualità:

a)    Sottopone a revisione tutto il materiale commissionato dal Consiglio Direttivo, esprimendo giudizio sulla qualità didattica e scientifica.

b)    Fornisce al CD il parere sul materiale esaminato, che ne tiene conto per procedere all’utilizzo con il marchio della Scuola e dà un parere motivato in caso di decisione contrastante

 

 

Art.16 -  IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

Il collegio dei revisori dei conti è costituito da tre soci eletti dall’assemblea che durano  in carica quattro anni e sono immediatamente e senza limiti rieleggibili.

Il collegio dei revisori dei conti:

a)       verifica la regolarità contabile dell’amministrazione

b)       verifica la consistenza di cassa

c)       redige la relazione sull’esame del bilancio consuntivo entro quindici giorni dalla data di trasmis­sione.

Il collegio dei revisori dei conti ha diritto di esaminare qualsiasi documento amministrativo contabi­le, relativo alla gestione economica della Scuola.

 

 

      Art.17 - IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Il collegio dei probiviri è costituito da tre soci eletti dall’assemblea, che durano in carica quattro anni e sono immediatamente e senza limiti rieleggibili.

Il collegio dei probiviri è chiamato dal consiglio direttivo, autonomamente o su segnalazione di più soci, ad esaminare ed a giudicare le inosservanze dello statuto e del regolamento interno operate nei confronti della Scuola e degli assodati e stabilisce le relative sanzioni.

Le sanzioni comminabili  sono: biasimo scritto, destituzione dalla carica, sospensione da uno a sei mesi dalla facoltà di esercizio di socio, espulsione dall’associazione.

 

 

 Art. 18 -  SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

L’associazione viene sciolta per decisione dei soci riuniti in assemblea appositamente convocata e validamente costituita, con la maggioranza dei due terzi dei soci.

La decisione è valida erga omnes e prevede anche la non riutilizzabilità della ragione sociale. Il patrimonio sociale eventualmente residuo verrà devoluto alla federazione regionale degli Ordini dei Medici per finanziare borse di studio da attribuire a medici frequentatori il corso di formazione specifica (ex DPR 256 deI 1991 e succ. modificazioni ed integrazioni), per studi e ricerche attinenti la medicina generale.

 

 

 

Art.19 - IL PRESENTE STATUTO È INTEGRATO DAL REGOLAMENTO INTERNO

 Per tutto quanto non specificamente pre­visto, valgono le norme di legge.

 

 

 

Norma transitoria: vengono fatte salve, anche in deroga ai sopraelencati requisiti, le nomine già conferite nel momento dell’entrata in vigore del presente statuto

 

 

 

SCUOLA PIEMONTESE DI MEDICINA GENERALE  "MASSIMO FERRUA"

 - SEDE -
C.so Svizzera 185 bis - 10149 Torino
 Tel 011 7770313 - fax 011 7770339


scuolase@tin.it

 

HOME